A Lecce la presentazione del nuovo libro del poeta e giornalista Pietro Berra

poesie-dal-fronte-306632LECCE- Nuovo appuntamento il prossimo 6 dicembre al Fondo Verri di Lecce (inizio ore 19.00) con la presentazione del nuovo libro del poeta e giornalista comasco Pietro Berra: “Poesie dal fronte”.

In questa opera, la poesia viene vista come fonte di libertà, bellezza e memoria, fuori dagli schermi e, spesso, anche dai libri. E’ lo spirito che ispira tutta l’attività di Pietro Berra, sia come autore sia come curatore e promoter di rassegne letterarie. Domenica 6 dicembre i tre frutti più recenti della sua ventennale militanza poetica, maturati negli ultimi mesi: “Poesie in scatola”, ovvero scatole di porcellana dipinte dall’artista Alcide Gallani ispirandosi alla poesia inedita che ciascuna di esse custodisce al proprio interno, seme unico e prezioso; “Poesie dal fronte. Vite in versi di soldati semplici dalla Grande Guerra all’Afghanistan”, notevole raccolta di scrittura popolare, frutto di una ricerca ultradecennale, che documenta come la forma poetica sia stata utilizzata anche da non letterati durante tutte le guerre per rispondere all’esigenza profondamente umana di comunicare fatti ed emozioni al di fuori di ogni retorica; “La città visibile. Poesie da affrancare”, serie di testi ispirati a cartoline sull’evoluzione urbana del Novecento e stampati sul retro delle medesime, in un libro che ha il formato della cartolina maxi e le cui pagine si possono staccare e spedire realmente, così che il lettore diventa parte della performance poetica. In “Poesie dal fronte” è inserito, non a caso, anche un poeta soldato leccese, conferma della particolare attenzione che Berra ha da oltre 15 anni per il Salento, luogo dell’anima che ha ispirato tre delle sue raccolte poetiche, manifestazioni come il gemellaggio culturale tra i fari di Brunate (Como) e Santa Maria di Leuca (2010) e il reading di poeti delle città di frontiera italiane riuniti a Oltranto (2006), oltre a ricerche, articoli e incontri dedicati a Maria Corti e ai poeti salentini Salvatore Toma (di cui riuscì a far ristampare “Il canzoniere della morte da Einaudi promuovendo una petizione a livello nazionale), Antonio Verri, Claudia Ruggeri e Stefanio Coppola.