Visitare una chiesa in qualsiasi momento? Sul web si può

due INTERNO CHIESALECCE- Visitare una chiesa o un santuario a ogni ora del giorno e della notte? Difficile, ma non impossibile se si fa ricorso al web. La riprova è fornita dalla bellissima chiesa di San Giovanni Battista, sita nel quartiere Stadio di Lecce e unanimemente considerata dagli addetti ai lavori come una delle opere d’architettura contemporanea tra le più importanti e significative di Puglia: è stata infatti realizzata dall’architetto Franco Purini, esponente di punta del Neorazionalismo italiano, e ospita opere di arredo sacro firmate da maestri del calibro di Mimmo Paladino, fondatore della Transavanguardia, e dello scultore Armando Marrocco. Da alcuni giorni, grazie ad apposita piattaforma tecnologica, è possibile collegarsi da qualsiasi posto del mondo al sito della parrocchia e aprire l’indirizzo http://www.sgblecce.com/tour-virtuale-della-struttura-della-chiesa/,  ammirando la chiesa come se si fosse fisicamente presenti nella stessa. Muovendo infatti il mouse si potrà ruotare la visione anche di 360 gradi e procedere nella visita come se ci si stesse muovendo a piedi dal sagrato all’interno dell’edificio, fermandosi  al fonte battesimale o davanti alla statua di San Giovanni. Il risultato è ancora più coinvolgente se si utilizza la visione a pieno schermo, capace di immettere ancor più il visitatore nella straordinaria architettura, densa di risonanze romaniche conferenti alla chiesa una semplicità strutturale che ha come effetto finale una straordinaria tensione luminosa verso l’alto.

La tecnologia utilizzata per raggiungere  questo effetto è tra le più moderne oggi disponibili. Grazie all’apporto del gruppo di studio di Lecce360.com, coordinato dal professor Domenico Perrone – responsabile dei servizi informatici dell’Arcidiocesi ed esperto di modelli matematici per la percezione visiva – sono stati realizzati due diversi tipi di prodotti multimediali: un tour virtuale nella chiesa e alcune GigaPanografie del portone, dell’altare e del Crocifisso ligneo.

Se l’onnipresente Google ci ha infatti abituati ai tour virtuali possibili grazie alla tecnologia street-view, meno diffuse sono allo stato le GigaPanografie, immagini ad altissima risoluzione che possono essere diffuse in streaming permettendo ai visitatori del sito di ingrandire i dettagli delle immagini in tempo reale grazie ad algoritmi proprietari molto efficienti e veloci. Il tutto è stato realizzato usando le tecnologie più moderne del momento (html5), ma prevedendo anche la possibilità di effettuare la visita virtuale della chiesa e dei suoi arredi con computer e programmi meno aggiornati, e soprattutto da dispositivi mobili (smartphone e tablet), con i quali si effettuano, stando a quanto sostenuto dall’Istat, la maggior parte delle connessioni a Internet.

Si ricorda che la parrocchia “San Giovanni Battista” è stata eretta canonicamente nella zona 167/B del quartiere Stadio, il 4 settembre 1982, con la traslazione del titolo dall’antica parrocchia “San Giovanni Battista al Rosario” di via Giuseppe Libertini a Lecce, ed è frutto del primo concorso promosso e commissionato dalla CEI (1998-1999) per la realizzazione di architetture ecclesiastiche. L’ottimizzazione finale del progetto è dovuta a una sinergia frutto di una larga partecipazione di protagonisti, dal parroco al responsabile dell’ufficio diocesano e al vescovo, dagli architetti agli artisti e al liturgista, passando ovviamente per la comunità.