Danni provocati dalle alluvioni: la Regione chiederà lo stato di calamità

nuvoleBARI- Una stima precisa dei danni provocati dalle “bombe d’acqua” abbattutesi nei giorni scorsi in Puglia, in particolare sul territorio jonico, ancora non c’è, ma la Regione muove già i primi passi per andare incontro a chi ha avuto la peggio. E a renderlo noto è stato proprio il presidente Michele Emiliano. “Le difficili condizioni del maltempo e le alluvioni di questi ultimi giorni, nel tarantino, come nel foggiano e in altre zone della Puglia, hanno messo in ginocchio colture e terreni, e rischiano di gravare ulteriormente sull’intero sistema agricolo. I nostri Uffici tecnici stanno operando un monitoraggio attento dei danni al fine di attivare tutte le procedure a supporto del comparto”. E’ quanto dichiarato dal governatore, il quale sottolinea che “in conformità con tutte le procedure di verifica, la Regione Puglia chiederà l’attivazione della procedura per la richiesta dello stato di calamità al Ministero”.

Purtroppo – ha spiegato Emiliano – eventi alluvionali di questo tipo sono sempre più frequenti e problematici. Per questo motivo nel corso della negoziazione del PSR 2014-2020 abbiamo previsto con la Misura 5.1 aiuti  per il ripristino del potenziale produttivo per quelle imprese colpite da eventi straordinari. Non appena approvato il PSR, tale Misura sarà attivata nell’immediato con l’obiettivo di supportare gli agricoltori a far fronte a queste emergenze”.