Ritorna “Medimex”, il salone dell’innovazione musicale

medimex 2014 AEREA HALL mailBARI- Medimex, il salone dell’innovazione musicale promosso da Puglia Sounds, giunto alla sua quinta edizione, ritorna con la sua formula unica e vincente. L’evento, particolarmente ricco di iniziative  ed attività, si svolgerà a Bari dal 29 al 31 ottobre ed è stato presentato nella Sala Stampa della Presidenza della Regione Puglia nel corso di una conferenza a cui hanno partecipato Loredana Capone – Assessore Sviluppo Economico e Industria Turistica e Culturale Regione Puglia, Alessandro Ambrosi Presidente Camera di Commercio di Bari, Ugo Patroni Griffi Presidente Fiera del Levante di Bari, Silvio Maselli Assessore alle Culture e Turismo Comune di Bari, Paolo Ponzio, Vice Presidente Teatro Pubblico Pugliese, e Antonio Princigalli Coordinatore Puglia Sounds/Medimex.

Durante l’incontro contro i giornalisti, l’assessore Capone ha evidenziato il rapporto stretto tra musica ed economia ricordando che «quello della cultura è un mondo che vogliamo sostenere fortemente. Medimex, in quest’ottica, rappresenta un evento unico e, al contempo, una grande sfida. La sfida di una filiera fatta di persone, artisti, imprese, istituzioni che hanno costruito nel tempo, attorno a questo straordinario contenitore, un’opportunità di crescita  sociale ed economica per l’intero territorio. Professionisti e piccole imprese del mondo della cultura e dello spettacolo in Medimex oggi hanno trovato uno strumento per sviluppare la propria creatività ma anche per internazionalizzare le proprie attività. D’altra parte l’industria creativa è una delle specializzazioni intelligenti della Puglia e su questo capitolo sarà destinata una parte cospicua del portafoglio europeo. Dobbiamo lavorare molto e bene allora affinché la capacità culturale della nostra regione si associ sempre più alla capacità di creare reddito, occupazione. È per questo motivo che, per la prima volta, quest’anno, abbiamo ritenuto indispensabile coinvolgere l’intero territorio e tutti quei luoghi in cui la musica nasce, si sviluppa, si evolve. Con il Fuori Medimex siamo usciti dalla Fiera per ‘invadere’ locali, scuole, centri culturali, piazze di diverse città. L’obiettivo nel prossimo futuro è raggiungere ogni lembo della Puglia e creare una piattaforma capace di produrre nuova ricchezza sul territorio. Perché la musica è cultura ma anche industria ed è economia. Insomma la musica è lavoro e la nostra regione lo sa bene».

Antonio Princigalli ha, quindi, parlato delle prestigiose collaborazioni di quest’anno. «A tutti i partner abbiamo chiesto di portare contenuti in questo enorme contenitore di conoscenza, pensato come una vera e propria città della musica».

Paolo Ponzio ha sottolineato il respiro internazionale del Medimex, «un’impresa che tutta l’Europa ci invidia e che amplia i suoi orizzonti anche fuori dal salone espositivo, con un coinvolgimento sempre più forte del territorio».

Alessandro Ambrosi è, quindi, intervenuto sulle iniziative di «Fuori Medimex» organizzate dalla Camera di Commercio di Bari. «Non credo – ha dichiarato Ambrosi – che negli ultimi anni sia stato prodotto in Puglia progetto più innovativo nel settore della creatività, per cui non potevano non essere al fianco del Medimex organizzando una serie di manifestazioni collaterali all’interno del borgo murattiano».

Anche Silvio Maselli, parlando del ruolo del Comune di Bari, ente partner nelle iniziative di «Fuori Medimex», ha detto che il Medimex deve continuare a svilupparsi dentro e fuori la Fiera. «L’area metropolitana di Bari, dove ha sede il 45% dell’industria culturale della regione, deve diventare sempre più interfaccia creativa di quest’importante vetrina per l’internazionalizzazione dell’impresa musicale».

Per Ugo Patroni Griffi la Fiera del Levante è la casa del Medimex. «Il nostro – ha detto il presidente della campionaria barese – è un contenitore perfetto per questo tipo di manifestazioni culturali, e la richieste di ospitalità che continuamente riceviamo lo confermano».