Royalty idrocarburi: sottoscritto l’accordo per sette Comuni foggiani

Foto accordo idrocarburiBARI- Sono più di 9,6 i milioni di euro da corrispondere in qualità di royalty (per gli anni dal 2008 al 2012) ai Comuni di Alberona, Ascoli Satriano, Biccari, Candela, Deliceto, Sant’Agata di Puglia e Volturino, tutti in provincia di Foggia, che sono risultati destinatari di interventi per la ricerca di idrocarburi da parte delle imprese concessionarie.

L’accordo che ripartisce la somma è stato siglato a Bari dall’assessore Sviluppo economico Loredana Capone, delegata alla sottoscrizione dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, e dai sindaci dei Comuni interessati, presente anche l’assessore all’Agricoltura Leonardo di Gioia.

Più di 373mila euro sono destinati ad Alberona, oltre 767mila ad Ascoli Satriano, 1,7 milioni a Biccari, più di 696mila euro a Candela, oltre 2,4 milioni a Deliceto, supera gli 83mila euro la somma destinata a Sant’Agata di Puglia e gli 808mila quella per Volturino. Le spese di progettazione saranno anticipate dalla Regione con una somma di 700mila euro ripartita tra le sette Amministrazioni.

“Attraverso le royalty arriva un importante contributo allo sviluppo di questi Comuni, al risanamento dei loro territori e al miglioramento della vita dei cittadini”, ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone. “Abbiamo lavorato attentamente con le sette Amministrazioni – ha sottolineato – affinché queste risorse fossero destinate alle infrastrutture e ad ogni azione finalizzata allo Sviluppo economico. Grazie alle royalty che riceveranno potranno migliorare le loro attività produttive, gli insediamenti industriali e l’ambiente. C’è voluto impegno e determinazione per arrivare a questo risultato, ma ce l’abbiamo fatta e oggi i territori destinatari per anni di ricerche vengono compensati con infrastrutture a servizio della collettività”.

Nel Comune di Candela sarà realizzato un terminale intermodale passeggeri; ad Ascoli Satriano una nuova viabilità e fogna bianca a servizio dell’Area Pip oltre a una nuova infrastruttura ICT; a Deliceto sono in cantiere opere infrastrutturali a servizio delle attività economiche e del miglioramento ambientale; a Biccari gli interventi riguarderanno l’illuminazione pubblica con tecnologia a led e telecontrollo, il rifacimento marciapiedi nel centro urbano e la pavimentazione stradale; a Volturino sarà sistemata l’area mercatale; Alberona e Sant’Agata di Puglia faranno pervenire le loro proposte nei prossimi giorni.

“Si tratta di una sottoscrizione di un accordo determinante per potenziare la dotazione infrastrutturale dei Comuni del Sub Appennino Dauno”, ha sottolineato l’assessore all’Agricoltura Leonardo Di Gioia. “Già da assessore al Bilancio avevo lavorato perché fossero preservate risorse per questi Comuni. Pertanto esprimo la mia soddisfazione per quanto fatto: è un segnale significativo da parte del governo regionale che rende giustizia anche alla capacità di programmazione e progettazione dei Comuni interessati”.

E nei prossimi giorni lo staff dell’assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese provvederà a quantificare le risorse delle royalty per gli anni successivi al 2012. “La sigla di un’intesa che libera risorse per i sindaci dei Monti Dauni tanto decisive – ha sottolineato l’assessore – è il segno che la Regione Puglia si è davvero incamminata in quell’opera di “ricucitura dei rapporti tra centro e periferie” programmata dall’Amministrazione Emiliano. So che tutti i Comuni sapranno, adesso, restituire efficienza e responsabilità nella delicata fase della progettazione e della cantierizzazione degli interventi da realizzare con queste risorse”.