Vertenze di lavoro nel Tarantino: massima attenzione della Regione

L'assessore regionale Capone
L’assessore regionale Capone

BARI- L’estate sta volgendo al termine, ma a Taranto a tenere molto alta la temperatura non sono solo i venti di scirocco. Il capoluogo ionico è alle prese con vertenze la cui soluzione non appare delle più semplici. E di questo ne è conscia la Regione che, tramite il suo assessore allo Sviluppo Economico, Loredana Capone,  fa sapere che nessuno dei problemi che affliggono il Tarantino, (ritenuto tanto produttivo da essere trainante non solo per la Puglia ma per l’intero territorio nazionale) sarà sottovalutato. Anzi, tutte le vertenze, come ha tenuto a precisare l’assessore, “hanno la massima attenzione del presidente, mia e di tutta la giunta regionale”.

“Sulla questione del Paisiello – ha spiegato Loredana Capone – abbiamo sollecitato il governo nazionale a condividere una soluzione. Per Isola Verde sono allo studio misure di rilancio del piano industriale pur in considerazione del fatto che, come tutte le partecipate delle Province, anche questa è interessata dalle misure di razionalizzazione richieste dal governo”.

“Quanto a Marcegaglia – ha continuato l’assessore – non abbiamo affatto rinunciato alla ricerca di un nuovo soggetto imprenditoriale che accompagni sia il rilancio industriale dello stabilimento che la ricollocazione dei lavoratori”.

“Su tutti questi fronti non siamo disposti ad abbassare la guardia. Peraltro, i recenti risultati ottenuti sul fronte dell’attrazione degli investimenti ci fanno ben sperare sull’attrattività che la Puglia, con il proprio sistema di incentivi, continua ad esercitare per gruppi industriali nazionali ed esteri. Vorrei ricordare che siamo stati noi, per primi in Italia, ad anticipare il nuovo ciclo dei fondi strutturali attivando ben 7 incentivi”.