Terra di mare e delfini: ecco il vero volto di Taranto

barche in mareTARANTO- Reti e remi. Intese non solo come strumenti di un riscoperto rapporto con la risorsa mare, ma anzitutto come metafora. Perché è dalla sinergia di una rete di associazioni e aziende, con la Jonian Dolphin a fare da capofila che nasce “Taranto terra di mare e di delfini”, l’innovativo contenitore di proposte ed di attività pronto a sbarcare in Città Vecchia sabato 23 e domenica 24 maggio. E perché solo remando insieme – è questa la ferma convinzione degli organizzatori – è possibile valorizzare la risorsa mare, la più abbondante e dimenticata del territorio.

Oltre venti tra associazioni e piccole e medie imprese, con il contributo dell’Assessorato alle risorse agroalimentari e del mare della Regione Puglia e il patrocinio del Comune, hanno perciò dato appuntamento per questo fine settimana presso il Molo S.Eligio anzitutto ai tarantini. Perché è impossibile valorizzare ciò che non si conosce. Così il passaggio da “città sui mari” a “città di mare” si gioca sulla possibilità di reintrodurre il mare nella quotidianità cittadina. Una quotidianità fatta di percorsi, sport e convivialità grazie a un denso programma che nella due giorni porterà gli avventori a spasso attorno all’Isola a bordo di imbarcazioni a vela e a remi, sott’acqua con dimostrazioni di apnea e biolab in collegamento con i fondali, a tavola a bordo dei pescaturismo o tra i banchi del mercato del pesce immaginato per la prima volta come vera e propria attrazione. In agenda anche due tavole rotonde per passare al setaccio le opportunità di sviluppo legate al mare e musica dal vivo con le performance musicali di Agora Ta e del Quartetto Fancelli.