Settimana di maltempo soprattutto al Centrosud

nuvole“Sarà una settimana turbolenta sull’Italia con frequente maltempo soprattutto al Centrosud” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara, che spiega – “una nuova perturbazione sta per raggiungerci dal Nord Europa e riporterà un graduale peggioramento al Nord e centrali tirreniche che, dopo una breve tregua, torneranno a fare i conti con precipitazioni sparse soprattutto su Alpi, Nordest, Levante Ligure, Toscana e Lazio. Nel frattempo si allontana sulla Grecia la perturbazione giunta nel weekend, portando ancora qualche pioggia o temporale su adriatiche, Sud e Sicilia ma in graduale attenuazione. La tregua tuttavia sarà molto breve”.

“Tra martedì e mercoledì si formerà infatti un nuovo vortice ciclonico che dall’Adriatico si porterà verso il basso Tirreno” – prosegue l’esperto – “portando condizioni di maltempo anche intenso soprattutto al Centrosud, dove saranno possibili nuovi nubifragi e forti temporali, con locali allagamenti e smottamenti. Martedì il grosso dei fenomeni interesserà soprattutto Nordest, Emilia Romagna e regioni tirreniche, estendendosi alle adriatiche entro fine giornata; mercoledì rovesci abbondanti si concentreranno in particolare sul medio versante Adriatico, basso Tirreno e Sicilia. Il Nordovest sarà spesso ai margini dell’azione ciclonica, con precipitazioni più occasionali e anche delle belle schiarite, fatta eccezione per fenomeni più intensi sulla Liguria di Levante. Il tutto verrà accompagnato da venti anche forti su tutti i nostri mari, con Ponente e Maestrale anche oltre i 70-80km/h su Tirreno e Sardegna, dove saranno possibili mareggiate con onde talora di oltre 6-8 metri al largo”.

“Nevicate anche abbondanti sono attese sull’Appennino a quote anche basse” – aggiunge Ferrara – “In particolare martedì sarà neve mediamente oltre i 1000-1500m sulla dorsale, fin verso i 600-800m sulle Alpi, mentre mercoledì con l’ingresso di aria più fredda rovesci di neve si spingeranno anche fino a quote collinari tra Emilia Romagna, Marche, Umbria e Toscana, oltre 500-1000m sul resto dell’Appennino centro-meridionale; neve fin sotto i 600-800m attesa anche sui rilievi della Sardegna”.

“L’instabilità ci accompagnerà anche nella seconda parte della settimana” – conclude l’esperto – “con ulteriori rovesci che tenderanno a concentrarsi su adriatiche e Sud, mentre al Nord e sulle centrali tirreniche prevarranno le schiarite, fatta eccezione per nuove nevicate in arrivo sulle Alpi di confine. Il clima sarà generalmente sempre piuttosto freddo e ventoso”.